Filtra Per:

OK
Mafe De Baggis Hoepli

Mafe De Baggis

Freelance convinta, progetta e gestisce iniziative di comunicazione dal 1991 e dal 1998 cerca di mettere a frutto la sua esperienza del mondo della comunicazione tradizionale per portare in Internet le aziende, le testate e le persone che ne sentono il bisogno, guidandole a interpretare e vivere correttamente un medium complesso e divertente (e ormai parte dell’esperienza quotidiana di chiunque). All’attività di consulenza di comunicazione e di progettazione di piani editoriali e di presenza negli ambienti sociali online (community, blog, social media) associa la formazione (in aula e personale) e la scrittura (Le tribù di Internet, 2001, Hops Libri; Lei non sa chi sono io, 2007, RGB Editore; Preso nella rete, 2009, Morellini Editore; World Wide We, Apogeo, 2010).

Ha avuto una rubrica su Punto Informatico (NoLogo). Per 7 anni ha tenuto un blog doppio, Maestrini per caso; dal 2009 è tornata a scrivere su toni più personali in giro per la rete. Nel 2014 è uscito il saggio breve «#Luminol. Tracce di realtà rivelate dai media digitali» per Informant, aggiornato e integrato per Hoepli (2018) con le illustrazioni di Roberta Maddalena.

BIBLIOGRAFIA

#LUMINOL

La realtà rivelata dai media digitali

“Non l’ho caduta io” dice il bambino guardando i cocci della tazza, “il cane gli ha rubato il compito”, dice il genitore all’insegnante, “avrei potuto fare lo scrittore ma si pubblicano solo tra amici”, dice l’insegnante al collega. Quel bambino, quel genitore, quell’insegnante oggi, in Italia, sono maggioranza. E tutti noi siamo ansiosissimi di dare la colpa ora ai politici, ora ai social media, senza mai, mai, mai essere sfiorati dall’idea di avere un minimo di responsabilità. Questo libro usa Internet come specchio rivelatore di una società che non riesce a rinunciare a un alibi quando ne vede passare uno: la colpa è sempre di qualcuno o di qualcos’altro. Usa una metafora poliziesca perché siamo davvero sulla scena di un crimine, il nostro futuro. Tutti vittime, non tutti colpevoli: scendi dalla ruota del criceto, smettila di dare la colpa agli altri. Puoi finalmente iniziare da questo libro e nella peggiore delle ipotesi avrai qualcosa d’altro da incolpare.